La vita sessuale della donna e dell’uomo dopo i 50 anni

La vita media degli uomini e delle donne si è molto allungata: questo ha come conseguenza il fatto che anche dopo aver superato i 50 anni di età una persona non deve sentirsi “finita” o “vecchia”, ma ha ancora davanti a sé un bel tratto di strada da percorrere e deve cercare di farlo nel miglior modo possibile. Perché, se è vero che la vita si è allungata, è anche vero che man mano che si avanza con l’età possono insorgere dei problemi legati al fisiologico invecchiamento dell’organismo.

Però la scienza medica ha ormai messo a punto un rimedio praticamente per ogni disturbo: non bisogna quindi rassegnarsi a subirli, e non avere paura di parlare di eventuali problemi che si riscontrano nello svolgimento di alcune attività quotidiane con il proprio medico. Da questo punto di vista uno degli aspetti che sicuramente è tra i più delicati e tra i meno facili da affrontare è quello della sessualità. Sia per gli uomini che per le donne avere rapporti fisici può significare dover far fronte a problemi inediti e spesso, per la vergogna di doversi confidare con un sanitario, si accetta di porre semplicemente fine alla propria attività sessuale. Viceversa questo non è affatto necessario perché esistono tante possibili soluzioni ad ogni problema, maschile o femminile. Non bisogna dunque rinunciare a nessun aspetto della propria esistenza, anche perché questo potrebbe avere anche ripercussioni negative se si è in coppia: bisogna solo avere le giuste informazioni e sapere come risolvere qualche piccolo problema fisico. Per quel che riguarda le donne è noto che dopo i 50 anni di età esse vanno incontro alla menopausa, ovvero alla fine del loro periodo fertile con la cessazione delle mestruazioni. Questo ha una vasta gamma di conseguenze: la prima, che è del tutto positiva, è che non si corre più il rischio di una gravidanza indesiderata, e questo può aiutare a vivere la propria sessualità con maggiore spensieratezza. Ci sono però tante ripercussioni fisiche che invece possono inibire l’intimità. Molto spesso, ad esempio, subentra la secchezza vaginale. Il calo dei livelli ormonali causa un impoverimento dei tessuti, e questo può far provare dolore durante i rapporti, o sanguinamento. Ma per la secchezza vaginale ormai esistono numerosi rimedi medici da quelli topici, come l’applicazione di creme e gel, fino alla chirurgia e all’impiego del laser. C’è poi il rilassamento dei tessuti del pavimento pelvico, che può condurre a soffrire di problemi di incontinenza fino al prolasso dei tessuti. Anche in questo caso non ci si deve rassegnare ma parlarne apertamente con il ginecologo che saprà suggerire la terapia migliore. Molto efficace è la ginnastica del pavimento pelvico, che serve a rafforzare i muscoli di questa zona con ottimi risultati. Nei casi più gravi si può ricorrere ad interventi chirurgici mini invasivi che permettono un recupero pressoché totale. Norme fondamentali da seguire quando si è in menopausa è curare molto l’alimentazione e l’attività fisica: mangiando in modo sano ed equilibrato e continuando ad allenare in modo costante il proprio corpo non solo si può continuare ad avere un’eccellente vita sessuale, ma è anche possibile mantenersi in salute. Per quel che riguarda invece gli uomini, per loro non si parla più di andropausa ma dopo i 50 anni possono comunque insorgere dei problemi, soprattutto la disfunzione erettile e il calo dei livelli di testosterone. Anche in questo caso è necessario rivolgersi ad un medico senza tentare rimedi fai da te, che spesso possono essere più dannosi del problema stesso.